Extra

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 108

Il rosso Prada : non va più di moda?

Scritto da 

Il XXI secolo secolo, caratterizzato da guerre, recessioni, cataclismi e presidenti di colore, non sarà certo ricordato per questi avvenimenti. E’ infatti avvenuta una catastrofe di proporzioni bibliche al cui confronto la Seconda Guerra Mondiale è solo polvere: è venuto a mancare il detto più utilizzato nella lingua italiana “morto un papa se ne fa n’artro!” ed è stato sostituito dal meno popolare “ce sta n'papa, famone n'altro!”.

L'emerito Papa Benedetto XVI, seguendo le orme di Celestino V, ha abbandonato il suo santo ruolo, lasciando il posto ad un novizio argentino che si fa chiamare Francesco. Questo nuovo Papa è già molto popolare tra i credenti e si è accattivato anche le simpatie di più di qualche infedele: ha abolito la scarpe rosse di Prada (il rosso quest'anno non si porta, viene preferito il blu) e ha reso la Papamobile decapottabile così da farla diventare l'auto più desiderata dai giovani dopo la Lamborghini Murcielago. Ma l’idea più geniale, la mossa strategica più innovativa della storia al cui confronto la guerra lampo potrebbe essere l'idea di un fornaio tedesco, è questa: dare l’assenso per l'album delle figurine del Papa. Nel decennio passato le pubblicità facevano credere che per essere felici sarebbe bastato mangiare pasta Barilla, avere la credenza piena di biscotti della Mulino Bianco ed il fegato che ti faceva gli applausi a causa delle merendine Kinder. Ora invece è tutto diverso: sarà per la crisi, sarà per l'alto tasso di obesità, è subentrato questo nuovo prodotto mirato a dare la felicita alle famiglie italiane.

Si tratta di una raccolta di 400 figurine avente il nome di  “Francesco, l'album della gioia”,  che potrete completare spendendo la modica cifra di 0.60 € al pacchetto e 2.50 € per l'album. Tutto ciò potrebbe segnare la fine dell'era dei Calciatori Panini. Forse questa trasformazione era già in atto senza che ce ne rendessimo conto… Immaginate la scena: bambini che si scambiano le figurine del Papa in classe, che vanno alla ricerca delle carte rare e giocano a soffietto per vincerne altre, che all'uscita di scuola chiedono piangendo alla mamma di comprare le carte della felicità e, una volta scartato il pacchetto, esultano dicendo: <<Sì, il Papa che dorme mi mancava!!>> oppure << Ho trovato l'ultra rara in cui il Papa gioca a dama con Gesù!!>>.

Ma questo è un album per tutte le età. Presto o tardi anche i quarantenni nel pieno della crisi di mezza età, sull’esempio dei bambini, riprenderanno a collezionare figurine, pensateci: <<Ti offro il concepimento del figlio illegittimo in cambio del Papa al bagno!>>. Anche gli anziani lo vorranno, e anziché collezionare i santini di Padre Pio faranno la collezione delle figurine del Papa (con la differenza che loro non attaccheranno le figurine poiché il Parkinson non glielo permetterà). Colui che ha avuto l'idea di creare quest'album diventerà sicuramente più famoso e ricco di quei personaggi il cui nome è già stato dimenticato dall'italiano medio, come il nome di quelli che hanno inventato Google, del tizio che ha creato Facebook, oppure di quelli che fanno i Pc con mele e finestre. A questo punto si potrebbe pensare alla creazione di carte da gioco del Papa stile Yu-Gi-Oh, con le carte equipaggiamento come per esempio Santo Graal o le carte trappola “bacio di Giuda”, oppure si potrebbero creare videogiochi dove il Papa fa a botte con il Dalai Lama . Un consiglio: se avete qualche idea stupida, sviluppatela e pubblicizzatela! Potreste farci i soldi.

Pietro Cascarino

Ultima modifica il Sabato, 20 Aprile 2013 09:55

Lo spazio di attualità, cultura, approfondimento e cultura del liceo Foscolo.